Intervento di messa in sicurezza per la cattedrale di San Massimo

febbraio 24, 2017 L'Aquila 1359 Views
Intervento di messa in sicurezza per la cattedrale di San Massimo

Il Segretariato Regionale ha avviato da alcuni giorni, d’intesa con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila e Cratere, lavori di messa in sicurezza nell’area presbiteriale della Cattedrale di San Massimo, dal momento che, a causa dell’ultimo sciame sismico, si sono potuti accertare sintomi di rischio per la staticità del Duomo.
Si è pertanto deciso di intervenire tempestivamente, anche per consentire l’avvio in sicurezza dei lavori dell’aggregato Sant’Emidio, il più ampio e architettonicamente complesso del centro storico.
D’accordo con la Curia, a seguito di un sopralluogo congiunto al quale hanno partecipato il Consorzio, l’arch. Stefano Gizzi, l’arch. Claudio Finarelli e il geom. Lionello Piccinini per il Segretariato, l’arch. Franco De Vitis per la Soprintendenza, insieme ai redattori dell’intero progetto di restauro, si sono programmate le metodologie e le operazioni più urgenti per sostenere le parti in distacco.
Redatto il verbale di sopralluogo di somma urgenza, è stato nominato Responsabile Unico del Procedimento l’architetto Claudio Finarelli, mentre la Direzione dei Lavori sarà dell’architetto De Vitis. Il lavoro è stato affidato alla medesima Impresa che aveva già effettuato i puntellamenti e la messa in sicurezza della grande aula subito dopo il sisma del 2009, Rosa Edilizia S.r.l., data l’esperienza già maturata e la conoscenza approfondita della rispondenza delle strutture della Cattedrale.
Le operazioni di somma urgenza sono perfettamente in linea con i criteri del progetto generale di consolidamento ed estremamente importanti per la salvaguardia del monumento-simbolo cittadino, per il quale sarà presto avviato l’atteso intervento di consolidamento e restauro.

Print Friendly, PDF & Email

Potresti essere interessato a...