L’Aquila. Ricostruzione: i Comuni del Cratere Sismico chiedono il ripristino della Governance dell’USRC

marzo 8, 2016 Cratere , L'Aquila 486 Views
L’Aquila. Ricostruzione: i Comuni del Cratere Sismico chiedono il ripristino della Governance dell’USRC

Il Tavolo di Coordinamento delle Aree Omogenee che rappresenta i 56 comuni del Cratere sismico, riunitosi il 7 marzo, “considerata l’intollerabile paralisi che sta attanagliando l’attivita’ di ricostruzione post sisma di tutti i comuni, ha deciso, con un’unanime determinazione di intenti – si legge in una nota – di convocare l’Assemblea dei Sindaci per il giorno 15 marzo al fine di chiedere a gran voce il ripristino totale ed effettivo della governance dell’Usrc che assicuri ai Comuni il flusso di cassa necessario per evitare che gli operatori impegnati nella ricostruzione subiscano danni economici e morali irreparabili”. “E’ dal 1 gennaio 2016 – afferma il Tavolo di Coordinamento delle Aree Omogenee – che tutti i Comuni del Cratere sono stati privati, senza alcuna motivazione, della figura Amministrativa titolata a firmare gli atti di rilevanza esterna indispensabili per assicurare una ricostruzione post sisma senza ritardi, evitando ulteriori disagi ai cittadini che attendono di ritornare al piu’ presto nelle loro abitazioni e agli operatori economici impegnati nei cantieri finalmente aperti e operativi. E’ desolante constatare che ad oggi la Corte dei Conti non ha ancora proceduto alla registrazione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che proroga di 3 anni la nomina del responsabile dell’Usrc nella figura del dott. Paolo Esposito. Il 25 novembre 2015 – prosegue la nota – i coordinatori del tavolo delle aree omogenee, Francesco Di Paolo e Sandro Ciacchi, al fine di evitare un pericoloso stallo della ricostruzione e riconoscendo la professionalita’ dell’attuale direttore hanno firmato, sentiti i componenti del tavolo di coordinamento, il verbale contenente l’intesa sulla designazione del dott. Paolo Esposito a titolare dell’Usrc per il prossimo triennio. Il 16 dicembre 2015 e’ stata disposta una proroga dell’incarico del dott. Paolo Esposito sino al 31/12/2015. Il tavolo di coordinamento e’ a conoscenza che in data 11/01/2016 e’ stato firmato il Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, previsto dall’art. 11, comma 14 del decreto legge 19 giugno 2015 n. 78 (convertito con modificazioni dalla L. 6 agosto 2015, n. 125) con il quale e’ stato prorogato per 3 anni l’incarico al dott. Paolo Esposito. Pertanto, e’ da due mesi che i Sindaci, con spirito di sacrificio e di profondo rispetto per le istituzioni, sono in attesa che il perfezionamento della registrazione dell’atto di governo da parte degli organi preposti torni a legittimare formalmente l’incarico al dott. Esposito restituendo al titolare dell’Ufficio la facolta’ di firmare gli atti necessari alla ricostruzione. L’attesa – conclude la nota – non puo’ prorogarsi ulteriormente!”.

Print Friendly, PDF & Email

Potresti essere interessato a...