L’Aquila. Turismo: dal Ministero 12 milioni per potenziare l’offerta turistica nel cratere

ottobre 19, 2015 Cratere 604 Views

Fontana delle 99 cannelle

Fontana delle 99 cannelle

E’ stato finalmente istruito dal Ministero dello Sviluppo economico – in data 14 ottobre – il “decreto concernente la concessione e l’erogazione di agevolazioni per la realizzazione di attività imprenditoriali volte al rafforzamento dell’attrattività e dell’offerta turistica del cratere”.

Un decreto atteso dal mese di maggio scorso e annunciato a margine dell’incontro organizzato a Santo Stefano di Sessanio, alla presenza della sottosegretaria Paola De Micheli, per discutere lo sviluppo del territorio economico dei Comuni del cratere.

Le agevolazioni sono articolate in due misure che perseguono obiettivi complementari volti alla promozione complessiva dell’area. Soggetto gestore sarà Invitalia.

La prima misura, da 9 milioni di euro, è finalizzato allo sviluppo e al potenziamento dell’offerta turistica e prevede, come progetti finanziabili, investimenti per la creazione di nuove imprese o l’ampliamento e la riqualificazione di quelle esistenti di valore compreso tra i 25mila e i 500mila euro. E’ un bando rivolto alle imprese già operanti e alle persone fisiche che intendono avviare una nuova attività.

Le agevolazioni, concesse nei limiti del regolamento del de minimis (fino a un massimo di 200mila euro in tre anni), prevedono contributi a fondo perduto fino al 70% delle spese (investimento + gestione del primo anno di attività) con una maggiorazione (fino all’80%) per i progetti che dimostrino delle funzionaità rispetto ad altre iniziative.

La procedura è di tipo valutativo a sportello e rimarrà aperta fino all’esaurimento delle risorse. La valutazione sarà fatta in base all’ordine di arrivo dei progetti entro massimo 60 giorni dalla presentazione.

La seconda misura, invece, da 3 milioni di euro, ha come obiettivi la promozione, la valorizzazione e la commercializzazione dei prodotti di eccellenza del territorio (per lo più quelli dell’enogastronomia ma non solo) per accrescerne riconoscibilità e visibilità.

Saranno finanziati i progetti innovativi di promozione delle eccellenze locali (produttive, culturali e naturali) in ottica tematica e di filiera. Potranno partecipare imprese, consorzi o cooperative e i progetti dovranno essere collegati ad attività economiche che si localizzano nei Comuni del Cratere.

Il bando prevede contributi a fondo perduto fino all’80% delle spese entro un massimo di 35mila euro per la singola impresa e 70mila euro per progetti presentati da consorzi, cooperativ e Ati. Anche in questo caso le agevolazioni saranno concesse con il regolamento del de minimis (massimo 200mila euro in tre anni). La procedura valutative, invece, non sarà a sportello ma a graduatoria. Il bando sarà aperto per 60 giorni e la graduatoria sarà pubblicata entro 120 giorni dal termine per la presentazione delle domande.

Print Friendly, PDF & Email

Potresti essere interessato a...